La micosi si caratterizza per

  • Prevalenza di Candida Albicans in stato filamentoso
  • Riduzione dei lactobacilli Döderlain, ma non loro scomparsa

Segni clinici

  • PH < 4,5
  • Abbondante leucorrea bianco-crema
  • Eritema moniliforme, spesso interessante tutta la regione perineale ed anale
  • Escoriazioni (talora da sfregamento)
  • Stato infiammatorio (prurito/bruciore vulvo-vaginale), causa di dyspareunia (dolore durante i rapporti sessuali

Cause scatenanti

  • Iperacidità vaginale da inappropriate pratiche igieniche
  • Iperproduzione ormonale estrogenica (gravidanza) con conseguente eccesso di glicogeno
  • Stati immunosoppressivi (diabete, HIV)
  • Stress
  • Terapie antibiotiche (macrolidi, tetracicline, betalattamici)
  • Fattori esogeni allergizzanti (piscine, salviette per l'igiene intima...)

Micosi ricorrenti

  • Quattro o più casi per anno

Possibili cause

  • presenza di altre specie di Candida, come la tropicale, resistenti alle comuni terapie antimicotiche
  • persistenza della Candida albicans in seguito ad un trattamento antimicotico "discontinuo"
  • micosi miste: proliferazione di Candida albicans e di batteri anaerobi (normalmente presenti nelle vaginosi). In questo caso il pH sarà > 4,5